Lavanda: proprietà, benefici, usi e controindicazioni

0
93
Lavanda: proprietà, benefici, usi e controindicazioni. Scopri tutte le proprietà della lavanda, i benefici per la salute, come usare la lavanda in cosmetica o per preparare rimedi naturali, come preparare una buona tisana alla lavanda e a cosa serve, le controindicazioni e gli effetti collaterali della lavanda.

La Lavandula officinalis comunemente chiamata “lavanda” è una pianta officinale che rientra nella famiglia delle Lamiaceae. Si tratta di una preziosissima alleata della nostra salute visto che è impiegata in caso di ansia, insonnia, problemi digestivi, gonfiore, spossatezza etc.

Sappiamo che la lavanda è una pianta che interessa vari settori. Il suo olio essenziale per esempio si rivela versatile e apprezzato in aromaterapia così come per massaggi, i bagni caldi etc. Una parta della pianta di cui si sente parlare molto sono i fiori, quest’ultimi ricoprono un ruolo utilissimo sia in ambiente domestico come per la realizzazione di bevande.

Scopriamo gli usi della lavanda, senza tralasciare le proprietà e i benefici dovuti dalle molteplici azioni benefiche della pianta qui presente. Parleremo anche delle controindicazioni della lavanda.

In ambito terapeutico è piuttosto rinomato l’olio estratto dalla pianta, vale a dire l’essenza di lavanda. Ma non è una novità infatti che l’essenze siano sempre più ricercate per i loro effetti sul corpo. Dobbiamo comunque ricordare hanno sempre un costo maggiore, oltre che richiedere più attenzioni sulle modalità d’uso!

Lavanda: proprietà e benefici

Scopri le proprietà benefiche e terapeutiche della lavanda, come preparare la tisana alla lavanda e come preparare rimedi naturali a base di lavanda.
Proprietà e benefici della lavanda.

Come promesso in questo paragrafo parliamo delle proprietà terapeutiche riscontrate nella lavanda. Vogliamo aggiungere che l’essenza (come già detto) ricopre un ruolo fondamentale sul corpo umano. Detto questo procediamo con alcune delle proprietà benefiche della Lavandula officinalis.

1. Problemi digestivi

La tisana a base di lavanda è un rimedio tanto conosciuto dalla popolazione! Favorisce infatti la digestione e riduce alcuni problemi correlati come: mal di pancia, bruciore di stomaco e non solo. È perfino adatta per ridurre lo stress! Insomma, una bevanda tuttofare che l’uomo può sfruttare da tempi ormai antichi.

2. Insonnia

Diversi studi condotti in materia portano a credere che l’essenza di lavanda possa essere utile per conciliare il sonno. L’impiego di alcune gocce pare estremamente indicato. Non dovete esagerare, una quantità minima è di grande utilità.

3. Circolazione del sangue

La lavanda trova molti utilizzi, tra questi ricordiamo anche quello di portare benefici alla circolazione sanguigna! È indicata infatti da numerosi esperti e l’uso più efficacie è stato riscontrato nel settore dell’aromaterapia. Consultare il proprio medico comunque e in seguito decidete come meglio farne impiego.

4. Diuretica

La lavanda (sempre sotto forma di tisana) stimola la diuresi. È d’aiuto contro scorie e tossine che possono danneggiare l’organismo se la loro permanenza si protrae più del necessario. La potete consumare in quantità minime in qualunque momento della giornata, anche la sera in quanto bevanda che favorisce il sonno.

5. Sedativa

Si annoverano numerose proprietà nella lavanda, proprio come quelle sedative che sembrano appunto indicate per ridurre la tensione nervosa, lo stress e non solo. Addirittura, per merito dell’azione ansiolitica è adatta contro gli stati d’ansia. I migliori benefici si ottengono dall’olio essenziale comunque.

6. Sindrome premestruale

Continuamente vengono condotti studi su di una pianta o un olio essenziale. Le informazioni ricavate servono a capire meglio come quel determinato elemento possa diventare utile o quante controindicazioni possono essere presenti. Nel caso della lavanda ci giunge direttamente dal Giappone (in relazione a degli studi effettuati da 2 prestigiose università) che il suo olio essenziale per merito dell’aromaterapia possa essere utile in caso di sindrome premestruale o per meglio dire dei sintomi associati.

7. Antiossidante

I composti antiossidanti della lavanda la rendono un’alleata contro i radicali liberi. Quest’ultimi sono responsabili di molte cose tra cui l’ossidazione cellulare, la quale comporta il rischio di sviluppare alcune malattie degenerative. È dunque indicato condurre una vita sana, dove buone abitudini e una regolare alimentazione sono sempre al centro di tutto.

8. Immunostimolante

Sopratutto in inverno le difese immunitarie dell’organismo hanno bisogno di maggiore difesa! È necessario infatti consumare alimenti ricchi di vitamina C o altri composti che innalzano le barriere contro virus e batteri. La lavanda (tisana ed olio essenziale) è estremamente utile per questo.

Usi della lavanda

Come si usa la lavanda? Per rispondere a questa domanda abbiamo preparato un apposito paragrafo dove vengono esposti alcuni utilizzi, questi interessano per lo più l’olio essenziale dato che è il prodotto migliore che viene impiegato dall’uomo.

Insonnia. Mediante l’uso dell’olio essenziale di lavanda è possibile contrastare l’insonnia! È sufficiente prima di dormire impiegare poche gocce del prodotto qui presente, in modo che sarà sufficiente inalarlo per ottenere vantaggi. Il cuscino è perfetto, tuttavia anche il fazzoletto lasciato sul comodino è altrettanto utile. Usate fino a 3 gocce e siete tranquilli.

Vasca da bagno. Contro i reumatismi, il mal di schiena e il nervosismo potete fare uso di un unico rimedio, ossia un bagno rilassante dove sono state utilizzate poche gocce di olio essenziale di lavanda. Tonificante per il corpo è considerato come una panacea per i disturbi appena menzionati.

Capelli. L’infuso di lavanda è considerato un prezioso alleato per i capelli, specie contro la loro caduta. C’è comunque da dire che l’uso dell’olio essenziale a dato maggiori risultati in tali circostanze. Gli uomini possono beneficiare della sua azione, visto che sono i soggetti più a rischio. Mentre per le donne è più centrato il tema lucentezza e morbidezza, due qualità molto ricercate al giorno d’oggi.

Repellente contro gli insetti. Gli insetti ci accompagnano praticamente per ogni giorno della nostra vita. Con il cambio delle stagioni tanti se ne vanno per far posto a di nuovi. In alcuni Paesi addirittura sembra non cambiar niente! Prendiamo d’esempio le zanzare o le mosche, queste a seconda di dove vi trovate sono sempre presenti, specialmente le mosche. Non vi piacerebbe dunque avere un qualcosa che possa scacciarle? Vi rispondiamo noi con l’essenza di lavanda! Il semplice utilizzo sul corpo crea uno schermo protettivo contro questi insetti tanto fastidiosi.

Aromaterapia. Il settore più rinomato dove l’essenza di lavanda è un vero portento è proprio questo, ovvero l’aromaterapia. Dunque rilassa le mente e combatte alcuni disturbi come tosse e mal di gola. Stimola la concentrazione e riduce gli attacchi d’ansia. Chiedendo a un esperto in materia potete sapere meglio quale uso fa al caso vostro.

Uso interno. Per uso interno ci riferiamo alla lavanda sotto forma di tisana che viene preparata con i fiori della pianta. L’assunzione offre benefici contro l’attacco dei radicali liberi, stimola la diuresi, depura l’organismo, sostiene l’apparato urinario contro le infiammazioni e non solo. La tisana alla lavanda è dunque una bevanda versatile che offre un buon repertorio di benefici.

Alitosi. Con i fiori è possibile fare uso di un rimedio che può combattere l’alitosi e allo stesso tempo prendersi cura della nostra igiene orale. È sufficiente preparare una tisana con i fiori e impiegarla per eseguire dei gargarismi.

Controindicazioni della lavanda

Le controindicazioni che interessano la lavanda non mancano affatto. Cominciamo dicendo che le allergie e le intolleranze ad alcuni principi della pianta possono renderla sconsigliata in alcuni soggetti. Inoltre per quanto riguarda le donne in dolce attesa è da usare con moderazione.

Sono state anche riscontrate delle complicazioni dovute alle intolleranze verso alcuni tipi di farmaci. Dunque è consigliabile contattare il medico prima di combinare l’azione di farmaci analgesici assunti con la pianta o i suoi estratti. La stessa cosa vale per i calmanti.

Avvertenze anche sull’impiego dell’olio essenziale di lavanda, il quale può scatenare allergie se impiegato in grandi quantità. È anche tossico sempre per lo stesso motivo! Assolutamente da evitare l’uso interno, gli esperti sostengono di limitarsi solamente l’impiego esterno.

Informazioni sulla pianta

La lavanda è una pianta sempreverde facile da trovare sia nelle zone di montagna che in quelle pianeggianti. Le altitudini dove è presente raggiungono anche i mille metri circa. Si tratta di un arbusto che può raggiungere i 100 centimetri d’altezza. Molto profumata, ha foglie opposte coperte di peluria fine. I fusti diventano piuttosto legnosi nel tempo. Ricordiamo che è una pianta che apprezza il clima temperato, proprio per questo nelle aree del Mediterraneo è comune. Apprezzata per numerosi motivi tra cui: facile da coltivare, decorativa, profumata, benefica per mente e corpo. Cerca molto sole e questo vale anche per le altre varietà di lavanda presenti.

Alcune curiosità sulla lavanda

La lavanda è ottima per profumare l’ambiente domestico, infatti i mazzetti di questa pianta sono utilizzati comunemente un po’ in tutto il mondo. Possono per esempio essere collocati dentro gli armadi, così come in piccoli recipienti e posizionati su mensole e mobili.

Se parliamo inoltre dell’olio essenziale utilizzato mediante i bruciatore di essenze è facile dire che si dimostra utile anche per l’aspetto benefico della persona. Ossia, riduce lo stress, il nervosismo, calma gli stati d’ansia…. A questo ricordiamo che come abbiamo detto in precedenza allontana alcuni tipi di insetti, vista l’azione repellente verso quest’ultimi.

L’uso delle foglie e dei fiori è conosciutissimo in cucina, infatti è una portentosa pianta aromatica. Con alcuni tipi di carne è veramente perfetta come abbinamento.

Pare che l’uso dell’olio essenziale sia adatto in molte situazioni quando il tema principale sono uova e pidocchi! Il prodotto deve essere diluito e per l’uso chiedere bene a un esperto erborista.

Ricordiamo infine che già gli antichi Romani apprezzavano la lavanda, questa era una pianta utile per profumare le zone private come non. Anche nelle terme era utilizzata.

© Copyright Benesseregreen.com, tutti i diritti sono riservati. Vietata la riproduzione anche parziale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here