Raffreddore: sintomi, cause, rimedi naturali efficaci, alimentazione consigliata

Il raffreddore comune non è grave, ma i sintomi sono davvero fastidiosi. In questo articolo trovate i più efficaci rimedi naturali contro il raffreddore che possono aiutarvi a guarire più in fretta ed accorciare la durata della malattia.

0
122
Raffreddore: sintomi, cause, rimedi naturali efficaci, alimentazione consigliata. Scopri le cause del raffreddore, cosa fare per prevenirlo, i rimedi naturali per combattere il raffreddore più efficaci e veloci e l'alimentazione consigliata per guarire in fretta.

Il raffreddore è una delle malattie influenzali invernali più comuni. Spesso accompagnato da tosse e mal di gola. C’è chi ne soffre di più e chi di meno. Di solito non è pericoloso, nonostante i sintomi possono essere particolarmente destabilizzanti.

A scatenare il raffreddore di solito è un virus e in base a qual è può manifestarsi insieme ad altri sintomi e disturbi. Negli adulti non è frequente il raffreddore insieme alla febbre. In media un adulto sano può contrarre due o tre raffreddori all’anno, i bambini che vanno a scuola invece, possiedono un rischio maggiore di contrarre la malattia ed è anche il motivo per cui si assentano più frequentemente da scuola.

Il raffreddore di solito si risolve in modo spontaneo tra i 7 e i 10 giorni e nella maggior parte dei casi non richiede l’intervento del dottore. Solo quando è i di origine batterica può di solito prescrive gli antibiotici.

Il raffreddore è la malattia più frequente e colpisce ogni popolazione. Secondo il National Institutes of Health circa 1 miliardo di persone all’anno soffrono di raffreddore. Nei paesi in via di sviluppo secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, le infezioni virali sono complicate dalla presenza di batteri, meno frequente nei paesi industrializzati. Solo negli Stati Uniti 75-100 milioni di persone l’anno si fanno vedere dal medico per il raffreddore e vengono venduti farmaci da banco per un valore di 2,9 miliardi.

Pensate che i sintomi del raffreddore vennero già descritti nel papiro egiziano Ebers, nonché il più antico testo di medicina che esista (del XVI secolo a.C). Solo nel 1950 comunque è stata identificata la causa.

Cause del raffreddore, quali sono?

Pensate che esistono più di 100 virus che possono scatenare nell’organismo umano il raffreddore. Circa il 30-50% dei casi di raffreddore però, sono scatenati dal contagiosissimo rhinovirus. Tra gli altri virus che scatenano i sintomi del raffreddore alcuni sono responsabili di malattie più gravi. Come l’adenovirus e l’echovirus per esempio.

Ci sono anche diversi fattori di rischio. L’età per esempio è una delle prime. Sono particolarmente sensibili al raffreddore i bambini in età prescolare, che non hanno ancora sviluppato resistenza contro vari virus che possono provocare il raffreddore. Oltre a questo i bambini sono più a rischio perché passano tanto tempo con i coetanei che non seguono quasi mai norme igieniche elementari come il coprirsi il naso quando starnutiscono o il lavarsi le mani.

Per quanto riguarda il sesso invece, non c’è una differenza evidente tra uomini e donne anche se nei bambini con meno di tre anni, i maschi sembrano più colpiti. I bambini con più di tre anni invece, sono colpiti soprattutto le femmine.

I raffreddori poi sono più comuni in autunno e inverno, specialmente durante i periodi piovosi. Anche l’aria secca però può favorire la comparsa dei raffreddori perché abbassa la resistenza che naturalmente abbiamo ottenuto verso alcuni virus. Tra gli altri fattori di rischio troviamo:

  • Fumo di sigaretta: chi fuma ha più probabilità di raffreddarsi. I sintomi poi durano di più e sono più gravi.
  • Patologie croniche: possono essere disturbi anatomici, genetici, metabolici e immunologici.
  • Malattie allergiche: le allergie aumentano il rischio di essere infettati.

Non sono invece reali fattori di rischio a quanto dicono gli esperti, l’esporsi al freddo e l’uscire con i capelli bagnati. Non vi sono infatti connessioni tra queste cose e i virus del raffreddore.

Sintomi e durata del raffreddore

La domanda che tutti si pongono: quanto dura il raffreddore? Da quando il virus è entrato in contatto con il corpo, occorrono dalle 12 alle 72 ore prima che i primi sintomi del raffreddore compaiono. A quel punto, il raffreddore dura circa 7 giorni per gli adolescenti e gli adulti e tra i 10 e i 14 giorni per i bambini.

I sintomi tipici del raffreddore sono gli starnuti, difficoltà a respirare per il naso chiuso o che cola, bruciore alla gola e catarro. Negli adulti può manifestarsi anche con:

  • Secchezza della gola.
  • Mal di testa.
  • Irritazione al naso.
  • Perdita dei sensi del gusto e dell’olfatto.
  • Mal di gola e irritazione locale.
  • Le perdite dal naso possono esse acquose oppure muco-purulenta, di colore che va dal giallo al verde.
  • Senso di pressione al volto.
  • Circa il 30% delle persone raffreddate ha anche la tosse, la quale può essere seguita da vomito.
  • Il raffreddore può rendere irritabili e irrequieti.
  • Naso rosso.
  • Linfonodi leggermente ingranditi.

Nei bambini è comune la febbre, il mal di gola, l’affaticamento, poco appetito e dolori muscolari.

Complicazioni del raffreddore

Il raffreddore difficilmente ha delle complicazioni. Di solito guarisce da solo nel giro di poche settimane o di qualche giorno. Questa infezione può però lasciar spazio d’azione ad altri agenti infettivi, come quelli che provocano le bronchiti, le otiti e le sinusiti. Una delle complicanze più frequenti è proprio quella della tosse con sinusite.

Come prevenire il raffreddore

Per prevenire il raffreddore non ci sono vaccini. Perciò, l’unica cosa da fare è intervenire per diminuire il rischio di contagio. E’ bene non stare in contatto con le persone raffreddate, pensate che il virus può percorrere fino a più di tre metri quando la persona è raffreddata.

Se invece abbiamo già il raffreddore non dobbiamo dimenticarci le prime norme igieniche come il lavarsi spesso le mani e farlo ogni volta che ci si soffia il naso, non usando mai due volte lo stesso fazzoletto e tanto meno usare fazzoletti usarti da altri.

Raffreddore: rimedi naturali veloci ed efficaci

Di seguito vediamo alcuni rimedi naturali per combattere il raffreddore in modo naturale.

1. Aglio e limone

Sicuramente qualcuno all’interno del vostro nucleo famigliare conosce benissimo il rimedio naturale a base di aglio e limone, utile appunto contro il raffreddore. Lo potete preparare utilizzando un po’ d’acqua calda, del succo di limone e uno spicchio d’aglio. Naturalmente quest’ultimo risulta per molti sgradevole, infatti con un pochino di miele è possibile rendere il preparato molto più accettabile. Ricordatevi di tritare l’aglio prima di unirlo al limone successivamente in acqua. Suggerito fino a 3 volte durante l’arco della giornata.

2. Gargarismi alla salvia

Con la salvia potete realizzare una soluzione da impiegare tramite i gargarismi. Occorrono quattro cucchiai di salvia essiccata, del sale quanto basta, 200 ml di aceto di mele e altrettanti d’acqua. Come prima cosa mettete l’acqua a bollire, successivamente unire la salvia e lasciate in infusione per circa 10 minuti. Fatto questo scolate avendo cura di separare le foglie di salvia dall’acqua. Non appena freddo aggiungerlo all’aceto di mele e potete fare i gargarismi. Proprio come il rimedio precedente anche questo può essere suggerito dalle 2 o 3 volte al giorno. Utilissimo anche contro il mal di gola. I gargarismi non saranno mai stati così piacevoli. La soluzione alla salvia può conservare in frigorifero anche per 5-6 giorni.

3. Tisana allo zenzero contro il raffreddore

Lo zenzero è un rinomato alleato per il corpo umano con il quale potete intervenire anche in caso di raffreddore. Sono necessari 1 litro d’acqua, della cannella (giusto un’idea), circa 6 cucchiai di zenzero grattugiato e del limone. Dovete far bollire l’acqua e dopo unirvi gli ingredienti. Filtrate prima di bere. In caso di congestione nasale, mal di gola e appunto raffreddore è un grande aiuto. Lo zenzero infatti lo si sente nominare in moltissime situazioni che riguardano mente e corpo.

4. Sciroppo allo zenzero per combattere il raffreddore

Proprio così, ecco di nuovo il nostro caro e vecchio zenzero. Ma questa volta consigliamo lo sciroppo con questa radice, un rimedio naturale conosciuto e apprezzato in caso di raffreddore e altri sintomi influenzali. Non dovete far altro che far bollire a fiamma bassa 2 cucchiai di zenzero. Quindi vi serve dell’acqua e circa mezz’ora di tempo per questo procedimento. Successivamente unite del miele o dello zucchero, gli esperti indicano 120 grammi. Il tutto attraverso la cottura si deve addensare. Un altro utile rimedio su cui in molti si sono trovati benissimo.

5. Borsa dell’acqua calda

Esatto avete capito benissimo, la borsa dell’acqua calda! Un rimedio della nonna in piena regola con il quale moltissime persone hanno tratto sollievo in caso di raffreddore e non solo. Semplice e veloce, non sarà il rimedio per eccellenza ma comunque funziona in molti casi questo è sicuro. Utilizzate un telo soffice per avvolgere la borsa dell’acqua. Solitamente viene collocata sul petto! Voi potete anche posizionarla dietro la schiena, ricordatevi via via di cambiare l’acqua.

6. Suffumigi mediante l’uso degli oli essenziali

Naso chiuso? Mal di gola e raffreddore? Provate i suffumigi e dopo (molto probabilmente) vi sentirete meglio. Le scelte possono variare, infatti sul mercato troviamo innumerevoli prodotti utili al caso. Cosa provare? Fatevi consigliare pure da un’erborista! Noi possiamo dire che l’olio essenziale di eucalipto, menta e il Tea Tree Oil sono eccellenti rimedi. Si possono anche abbinare assieme.

Naturalmente vi occorre la classica pentola di acqua bollente, l’asciugamano per la testa che possa coprirvi il capo e poche gocce di essenza.

7. Infuso di succo di limone

Il limone, un frutto ricco di buone sostanze le cui proprietà sono rinomate in tutto il mondo. La preparazione che segue è indicata in caso di spossatezza, gengive infiammate, raffreddore etc. Vi serve dell’acqua tiepida, dello zenzero (2 cucchiai piccoli) e del succo di limone. Potete addolcire con del miele a vostro piacimento. Sconfiggere tali disturbi è semplice come bere un bicchiere d’acqua, anzi un infuso. Tenete presente che il succo di limone è piuttosto forte e assumerlo continuamente non è così vantaggioso. Quindi sempre diluito e non da prendere continuamente.

8. Balsamo all’olio di cocco ed eucalipto

Lo dovete usare localmente sul petto, questa è una soluzione balsamica degna di nota. Allevia il raffreddore oltre che garantire altri effetti benefici. La preparazione prevede ½ tazza di olio di cocco e l’essenza di eucalipto (15 gocce). Vi occorre anche un contenitore che disponga di una chiusura ermetica. Prima di unire i due ingredienti è necessario sciogliere l’olio di cocco a bagnomaria.

Altri rimedi fitoterapici contro il raffreddore

Il vasto campo della fitoterapia comprende moltissime piante da usare contro il raffreddore, mal di gola e influenza. Ricordiamo che il sambuco è molto indicato, visto che è un antinfiammatorio, sudorifero, emolliente, diuretico, lassativo e molto altro ancora. Non solo placa il naso chiuso ma si rivela ottimo contro febbre e altri disturbi dovuti dal cambio di stagione.

L’elicriso è un’altra pianta apprezzata nel settore della fitoterapia. Contro le affezioni respiratorie e le allergie (che interessano le vie aeree) non lo dimenticherete affatto una volta provato. Basta ricordare che è un antibatterico, espettorante, antinfiammatorio e molto altro ancora.

La piantaggine ha diverse proprietà riconosciute dagli esperti. Infatti le sue foglie sono un valido antinfiammatorio ed espettorante. Oltre a questo sono rinomate per la loro azione decongestionante, antiallergica e antibatterica. Insomma un tonico per l’organismo non vi pare?

Fiori di Bach contro il raffreddore

Concludiamo il paragrafo dei rimedi naturali per il raffreddore parlando dei fiori di Bach. I fiori di Bach come saprete lavorano su sintomi mentali e psichici ma non fisici. Il raffreddore in floriterapia può essere visto come un chiudersi agli stimoli esterni, quelli che potrebbero minare il proprio equilibrio.

  • Chicory: per le persone che sono sempre insoddisfatte degli altri, che usano la malattia come arma per ricattare gli altri. Un raffreddore può indurre a lamentarsi tutto il giorno. Questo fiore aiuta a dare amore, senza aspettative e senza inganni interpretando la parte della vittima.
  • Willow: il fiore per chi si chiude, prova rancore, è sempre negativo e si lascia prendere dall’amarezza. Indicato per chi si lamenta dietro i malanni, perché ritiene di essere vittima delle ingiustizie.
  • Honeysuckle: chi è chiuso per via di vecchie delusioni. Adatto per chi vive ancora nei giorni lontani e non vuole affrontare i rischi del presente. Chi è scoraggiato per non aver sviluppato i propri sogni.

Raffreddore: alimentazione consigliata

Quando il corpo viene colpito da febbre, raffreddore e altri sintomi correlati… bisogna intervenire con la giusta alimentazione la quale si rivela fondamentale. Se non state molto bene e vi rifiutate di mangiare, impiegherete molto tempo per tornare in sesto. Qui vogliamo ricordare alcuni cibi utili:

  • Cipolla
  • Cannella
  • Aglio
  • Peperoncino
  • Patate
  • Cereali
  • Legumi
  • Frutta e verdura
  • Chiodi di garofano

Ecco alcune ricette su cui un gran numero di persone fanno affidamento. Dopotutto aver cura di se significa anche mangiare cose genuine e che possono potenziare il sistema immunitario. Cominciamo pure:

1. Il Vin brulé. Questi sono gli ingredienti: prendete 1 tazza di vino rosso, vi serve anche la buccia di limone (¼ è sufficiente), la stessa quantità di cannella, 3 chiodi di garofano, un cucchiaio medio di zucchero e siete pronti. Fate bollire, arrivati a quel punto date fuoco al vino. Il vostro vin brulé è pronto per essere consumato. Si rivela un antibiotico e battericida. Ricordatevi comunque di prediligere un vino buono di qualità.

2. La tisana di chiodi di garofano e cannella per il raffreddore. Non dovete far altro che prendere un pentolino (anche di media misura) dove versare 150 ml d’acqua. Aggiungete subito la cannella (un pezzettino) e 2 chiodi di garofano, aspettate 5 minuti circa e la vostra tisana sarà pronta. Ricordatevi di filtrare il tutto prima di consumare.

3. Spaghetti aglio, olio e peperoncino. Un bel primo non ce lo siamo fatti mancare e cosa c’è di meglio di un vero classico come gli spaghetti aglio, olio e peperoncino? Dovete semplicemente cuocere gli spaghetti a cui unirete (una volta scolati e al dente) l’aglio, l’olio e il peperoncino ingredienti scottati in padella per poi unirli alla pasta. Diciamo che anche un po’ di prezzemolo non guasta, infatti le sue proprietà sono utili in caso di raffreddore.

Raffreddore: aromaterapia

Gli oli essenziali possono giovare in caso di raffreddore, l’importante è che sprigionino un effetto balsamico. Si trovano come ottimi alleati l’essenza di eucalipto, quella di pino, il mirto etc. Solitamente il metodo d’uso più comune è quello della diffusione ambientale per merito dei bruciatori di essenze. Qui di seguito vogliamo elencarli per voi:

  • Eucalipto. L’olio essenziale di eucalipto è un valido espettorante e decongestionante. Utile contro il catarro, muco, grandi raffreddori, tosse, mal di testa etc.
  • Pino. Contro l’asma, la sinusite, la tosse, l’influenza e il naso chiuso l’essenza di pino è una degna alleata. Da usare con parsimonia comunque.
  • Mirto. L’olio di mirto è un mucolitico e decongestionante. Offre un’azione antinfiammatoria inoltre e si rivela espettorante. Quindi in caso di influenza, raffreddore e non solo è utile.

E voi, quale rimedio naturale contro il raffreddore utilizzate?

© Copyright Benesseregreen.com, tutti i diritti sono riservati. Vietata la riproduzione anche parziale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here